Trent’anni dopo il Liverpool

Trenta lunghi anni dall’ultima vittoria in campionato per i reds del Merseyside.

Allora in campo c’erano due autentiche leggende, il gallese Ian Rush e l’anglo-giamaicano John Barnes, mentre a guidare dalla panchina (ricoprendo il singolare ruolo di allenatore-giocatore) c’era lo scozzese Kenny Dalglish.

Dalglish è colui che detiene il record di titoli vinti (52) sommando le carriere di allenatore (12) e giocatore (40), superando di una lunghezza sir Alex Ferguson, fermo a 51 totali (49 da allenatore e 2 da giocatore).

Oggi invece il protagonista assoluto dell’impresa è stato un tedesco in panchina, Jurgen Klopp.

In pochi anni ha assemblato una squadra devastante e variopinta.

Un egiziano, Momo Salah, un senegalese, Sadio Mané e tre brasiliani, Allison Becker in porta, il tuttofare Fabinho e il fantasista Firmino. 

Poi uno scozzese, Andrew Robertson, tre inglesi, Trent Alexander-Arnold, James Milner e capitan Jordan Henderson e due olandesi, Virgil Van Dijk e Wijnaldum in campo.

Una squadra formidabile, che era già riuscita a vincere la Champions League l’anno prima (due finali raggiunte) e che quest’anno ha distrutto sin da subito le ambizioni del rivale Manchester City.

E’ il suo diciannovesimo campionato inglese della storia, ma la prima volta che il Liverpool vince la Premier League, nata nel 1992.

Che sia l’inizio di un nuovo ciclo vincente?

 

Luigi Potacqui
Ho creato Romanzo Calcistico. Ho scritto per Sonzogno "La magia del numero 10", perché il 10 è davvero un numero magico. Poi, non contento, ho scritto “Settimo Cielo”, il romanzo dei numeri 7. Perché vedere giocare Garrincha, George Best, per arrivare fino a Cantona e a CR7, non puoi che sentirti in paradiso.
https://www.romanzocalcistico.com

Lascia un commento