Serie A, 13ª giornata: derby di Milano in cima alla classifica

Romanzo Calcistico

Sembrava dovesse esserci il sorpasso interista in vetta la classifica, visti gli avversari dell’una, il Milan, in trasferta contro l’ostico Sassuolo, e dell’altra squadra, l’Inter, in casa contro la più abbordabile Spezia.

Il Milan torna a vincere

Ma il Milan di Stefano Pioli, seppur rimaneggiato , non si è fatta intimorire dal pressing nerazzurro alle spalle e ha espugnato il MAPEI STADIUM con un letale “uno-due” nella prima frazione di gioco.

Di Rafael Leao (gol dopo sei secondi, record di velocità nei maggiori campionati europei) e Saelemakers, bravo a concludere in rete una delle solite cavalcate dell’indemoniato Theo Hernandez, le reti rossonere.

Il Sassuolo ha poi accorciato allo scadere con una punizione deviata di Berardi, ma il Milan è riuscita lo stesso a portare a casa i tre punti, fondamentali per rimanere a +1 sui cugini cittadini.

Cugini che hanno avuto la meglio su un buon Spezia, 2-1 il finale anche se la partita non è mai stata in discussione per via delle reti di Hakimi e Lukaku (su calcio di rigore) nei primi venti minuti della ripresa. A nulla è valso il primo gol in Serie A di Piccoli allo scadere.

Nelle retrovie fa sempre più la voce grossa la Juventus campione d’Italia in carica, che surclassa il Parma di Liverani con un roboante 4-0. In gol Cristiano Ronaldo (2), Morata e l’ex Kulusevski, che ha sbloccato la partita nel primo tempo.

Vincono i rispettivi scontri diretti “europei” Atalanta e Lazio, rispettivamente su Roma e Napoli.

La dea, nonostante lo svantaggio iniziale firmato Edin Dzeko, riesce a ribaltare la partita grazie a Duvan Zapata, Gosens, Muriel e Ilicic. 4-1 il finale, forse troppo pesante per i giallorossi di Fonseca, in partita fino a metà ripresa.

La Lazio di Simone Inzaghi doma invece un Napoli rimaneggiato (per via delle defezioni di Mertens, Insigne e Osimhen) grazie al solito Ciro Immobile (gran gol di testa il suo) e Luis Alberto (su errore in disimpegno di Mario Rui). La lotta nelle prime sette posizioni è sempre più avvincente.

Pari a Verona, vince la Samp

Pareggio 1-1 di rigore per il Verona di Juric sul campo della Fiorentina (in gol Veloso e Vlahovic), mentre vince la Sampdoria di Ranieri (alla seconda vittoria consecutiva dopo l’exploit di Verona).

Genoa nei guai

Poco più giù pareggiano Cagliari e Udinese e Torino – Bologna (doppio 1-1), mentre vince 2-0 (gol di Roberto Insigne e Sau) il Benevento di Pippo Inzaghi uno scontro diretto molto importante contro il Genoa di Maran (che ora rischia la panchina).

Ma non c’è tempo di gioire o leccarsi le ferite, martedì 22 si torna già in campo per una nuova entusiasmante giornata di campionato, in attesa delle vacanze di Natale dove poter ricaricare le batterie…

Lascia un commento