Thomas Strakosha e il supporto che non ti aspetti

Thomas Strakosha

L’estremo difensore albanese sta attraversando forse il peggior momento della sua carriera

 

Dopo aver difeso per diverse stagioni da “numero uno” la porta della Lazio, Thomas Strakosha lo scorso anno ha perso la titolarità a favore del suo collega spagnolo Pepe Reina, arrivato inizialmente per fargli da riserva.

Quest’anno, titolare quindi in Europa League come spesso accade con i “secondi”, nel primo match dove è stato chiamato in causa, quello contro il Galatasaray, ha commesso un evidente errore, risultato poi decisivo ai fini del risultato (la partita è terminata 1-0 per i turchi). Errore che ha inevitabilmente fatto finire il portiere classe 1995 nativo di Atene sulla gogna mediatica, che si sa, sa essere brutale e violenta in questi casi purtroppo.

Errore probabilmente figlio del periodo personale poco positivo, visto che in conseguenza alla perdita del posto nel club e alla poca tranquillità mostrata, sembra aver perso posizioni anche in nazionale (nelle ultime 13 partite con le Shqiponjat, le aquile, ha giocato solo i due match contro San Marino di qualificazione ai mondiali).

Il supporto che non ti aspetti

Ma ecco che arriva l’abbraccio di chi probabilmente ti aspetti meno in questi casi.

In soccorso del portiere albanese infatti sono arrivati i tifosi laziali che, dopo essere spesso saliti alla ribalta per situazioni poco piacevoli nel recente passato (l’ultimo il caso Hysaj, poi rientrato), si sono resi protagonisti stavolta di un gesto nei suoi confronti tanto semplice quanto speciale.

Durante Lazio – Cagliari di domenica infatti, sugli spalti dello stadio Olimpico è apparso uno striscione firmato Ultras Lazio con su scritto “Non ti curar di loro ma guarda e para. Daje Strakosha!“, seguito da cori e dimostrazioni di affetto che hanno fatto commuovere un sorpreso Strakosha, che sul suo profilo Instagram ha scritto:

“Non ho parole per descrivere quello che ho provato oggi entrando in campo. Dagli applausi, all’affetto, dal coro in mio nome allo striscione: ci ho provato a trattenere le lacrime ma non ci sono riuscito. L’unica cosa che posso dire è GRAZIE DI CUORE tifosi laziali per il vostro affetto e il vostro supporto. Questo è un momento che rimarrà nel mio cuore, per tutta la vita.

Ora lavorare duramente per portare la Lazio dove merita

#orapiùchemaiforzalaziosempre”. 

 

Thomas Strakosha
Thomas Strakosha https://www.instagram.com/p/CUA5fG0M9Na/ 

 

Un gesto nobile e per nulla scontato, in un mondo, quello del calcio, dove l’insulto pesante e l’ignoranza sono purtroppo all’ordine del giorno.

Un gesto che dovrebbe essere preso d’esempio, da tutti, in qualsiasi campo.

Bravi ragazzi. Daje Thomas.

 

Luigi Potacqui
Fondatore di Romanzo Calcistico. Ho scritto un libro, "La magia del numero 10". Perché il 10 è davvero un numero magico.
https://www.romanzocalcistico.com

Lascia un commento